CanJam London 2022 - Tag2

CanJam Londra 2022 - Day2

Secondo giorno al CanJam London 2022.

Un po' stanchi e con i postumi di una sbornia andiamo al 3° piano interrato del Park Plaza Westminster Hotel, lontano dal sole nell'"hi-fi" cantina". 😅 Ho una bella lista di cose da guardare e ovviamente da ascoltare e il tempo è poco.

Allo stand di un rivenditore inglese, incontro Justin di Viking Weave Cables, che produce il fantastico cavo Lime Ears Anima. Parliamo un po' dei momenti salienti del nostro spettacolo finora, finalmente sto testando gli Thieaudio Voyager 16 IEM.

Fonte immagine: www.thiaudio.com

Indubbiamente un buon auricolare, ma Justin, io e un altro partecipante siamo d'accordo: ce ne sono di migliori per circa 1500 USD o CHF. Questo non vuol dire che i Voyager 16 siano cattivi o valgano i soldi: semplicemente non si distinguono dalla massa di opzioni disponibili. Risoluzione, accordatori, bassi, tutto ad alto livello, ma niente da ricordare.

L'altro partecipante mi ha suggerito di testare il FIR Audio XE6, il modello di punta di FIR. Ottimo, è quello che avevo intenzione di fare comunque! 😁

Dopo poco tempo diventa chiaro: non fanno per me. 😥 Otticamente e acusticamente, l'XE6 parla la propria lingua, che di per sé non deve essere una brutta cosa - sfortunatamente non è la mia lingua, ciò significa che non mi piacciono le cose. Per il prezzo richiesto di almeno 3900 USD, un sacco di cose mi infastidiscono.

Una cosa subito: sì, l'XE6 ha molti bassi, specialmente i sub-bassi, ma sfortunatamente gli altri nel attuazione attuale Le frequenze sono scomparse e sembrano anche essere piuttosto lente. Mi mancano completamente i mediobassi che sarebbero necessari per rendere le voci presenti e sonore. Pertanto, i medi "annegano" un po' o passano in secondo piano nell'azione.

La risoluzione e la riproduzione dei dettagli sono ok, ma non eccezionali visto il prezzo. La separazione dello stadio e dello strumento è nella media. Inoltre, l'alloggiamento in metallo non è particolarmente comodo, almeno per le mie orecchie, e la vestibilità non è ottimale nemmeno per le mie orecchie. Tutto sommato sono deluso perché in realtà mi aspettavo di più, molto di più. Ovviamente "l'udito" è sempre molto individuale e ci saranno sicuramente persone che pensano che l'XE6 sia eccezionale. Questa è solo la mia impressione personale...

Dopo una breve discussione con coloro che mi circondano, ricevo un "consiglio caldo": vai su Jomo Audio e ascolta il loro nuovo GT600! Lo farò prontamente. Dopo una breve chiacchierata con Joseph, il fondatore e sviluppatore di Jomo, inizio e collego il GT600 al mio Cayin N8ii.

Luce nell'oscurità

GT600
Fonte immagine: www.jomoaudio.com

Sento i miei occhi spalancarsi, gli angoli della mia bocca piegarsi e sorridere a Joseph con il pollice in su: questo è il "vero affare"!
Questo è un fiore all'occhiello ad un livello estremamente alto, questo non lo è deve nascondersi dietro i grandi attori del settore.

Il GT600 è un tribrido con 2DD, 6BA e 4EST con un guscio interamente in carbonio ("Forged Carbon Shell"). Inoltre, un cavo molto decente, che mostra immediatamente la qualità. Il risultato : My CanJam London Highlight!

Perché me lo chiedi? È semplice: la GT600 è meravigliosamente dettagliata con la giusta quantità di brillantezza negli alti, assolutamente nessun accenno di nitidezza o sibilo ' e inoltre, c'è un basso meravigliosamente controllato e veloce di classe extra: solo pochissimi possono farlo così bene! Oh sì, la separazione dei canali e lo stadio sono semplicemente eccellenti e dovrebbero soddisfare pienamente il desiderio di molti amanti della musica per più spazio.

Cercherò di ottenere una copia demo da Joseph e con essa pianificherò un piccolo tour della Svizzera per avere un feedback su questo fantastico in-ear Se il feedback è molto positivo, il GT600 prima o poi finirà all'Essenza Audio.

A proposito, la Jomo Audio aveva anche un entusiasmante prototipo all'inizio, che mostrava che Joseph ha ancora uno o due assi nella manica. Comunque, sono molto emozionato!

Grande calibro

Il mio ultimo atto ufficiale prima della pausa pranzo dovrebbe essere la visita di dCS, che ha sedotto la loro ultima meraviglia all-in-one "Lina" qui al CanJam. Hanno anche affittato una grande stanza separata appositamente per questo e l'hanno dotata di una serie di "cubicoli" più piccoli in modo che i potenziali clienti interessati potessero testare il loro nobile insieme con DAC, amplificatore e alimentatore in pace e tranquillità.

Dato che avevo già ascoltato ampiamente da un cliente il predecessore "Bartok" con lo Spirit Torino Valkyria, ero ovviamente curioso di vedere se la tonalità un po' "artificiale" o innaturale che ho criticato con il successore è stato risolto.

Quindi allo Spirit Torino ho preso le Pulsar, il mio paio di cuffie preferite in assoluto che conosco fin troppo bene (e sono tecnicamente identiche alle Valkyria) e sono corso su per le scale fino al sala di proiezione.

dCS Lina

In primo luogo, ho avuto un altro partecipante che era ovviamente interessato al test Pulsar. Volevo sentire cosa aveva da dire sulla station wagon con la "Lina". La sua impressione era mista, anche piuttosto critica. Ciò che mi ha descritto non era affatto coerente con le mie impressioni su ciò di cui è capace la pulsar.

Successivamente l'ho provato io stesso - Ovviamente con alcune delle mie canzoni di prova, per assicurarmi di avere la giusta impressione.

dCS Lina

E anche questa volta gli angoli della mia bocca si sono piegati quasi immediatamente, ma verso il basso. ☹️ Mi aspettavo tutto, ma non quello che si è presentato alle mie orecchie dalla combinazione di cuffie da 6000 franchi con un sistema completo da 33'000 franchi.

Il Pusar suonava piatto, esangue, quasi senza bassi. E proprio come con il Bartok, qui c'erano molti dettagli, ma sfortunatamente anche questa tonalità sgradevolmente artificiale, che suonava come se il segnale fosse stato "sovracampionato" troppo spesso... come probabilmente è il caso qui.

No, non può essere, non è il solito suono della mia amata pulsar! Mi sono abbassato di nuovo sul pavimento non appena sono arrivato, la mia faccia probabilmente parlava a volume mentre riportavo la Pulsar allo Spirit Torino. Scuotendo la testa e senza ulteriori parole, mi sono seduto davanti al tuo prototipo di amplificatore "Sigfrid", che era alimentato solo dal DAC R2R entry-level di Audio-GD, e ho ripetuto la sessione di ascolto.

Spirit Torino Pulsar


Espira

Il mio udito non mi ha ingannato e tutto andava bene anche con la pulsar. Quello che ho sentito qui è stata pura magia e ho fatto un cenno ad Andrea raggiante. È così che dovrebbe suonare!

Devo solo sottolineare ancora una volta che ognuno ha orecchie e preferenze diverse. Per me personalmente, il sistema "Lina" di dCS è stata la più grande delusione di CanJam. Purtroppo non posso metterla diversamente.

Sì, mi aspettavo miracoli, pura magia. E immagino che tu possa farlo per 33.000 USD o franchi svizzeri.

C'è di più e per me, come designer esperto di esperienza utente, è un assoluto no-go: l'operazione. Si ha la sensazione che il sistema abbia dei touch screen, ma sotto i grandi presunti pannelli di controllo touch ci sono dei "pulsanti touch" che sono identificati solo da un punto luminoso (vedi immagine). In realtà ho provato più volte, nonostante una migliore conoscenza, a toccare lo schermo per apportare modifiche e navigare nel menu.😱

Il servizio qui è semplicemente sfacciato! Per 33k, dCS non riesce nemmeno a integrare un touch screen con un funzionamento intuitivo?!🤬

Non importa, per ora basta. La mia testa ha iniziato a battere forte, avevo bisogno di una pausa! È ora di pranzo...


Ciao ciao CanJam

Purtroppo per me al CanJam è tutto, perché quella che pensavo fosse una breve pausa pranzo si è trasformata in un soggiorno permanente nella mia stanza d'albergo. Come commosso, nel giro di un'ora rimasi sdraiato con la febbre alta e sfortunatamente non potevo tornare alla mostra. Un'influenza estiva mi ha preso saldamente in mano e ha anche messo in pericolo il mio volo di ritorno in Svizzera. 🤒

Ma fortunatamente ci sono i farmaci e il "pompato pieno" con dosi corrispondentemente elevate di ibuprofene sono arrivato a casa il giorno dopo! 😅

CanJam London 2022 è finito ed è stato fantastico, soprattutto incontrare tutte le persone e godersi lo spettacolo con loro. Anche se quest'anno mancava circa il 30-40% degli espositori!

Vorrei ringraziare tutte le persone coinvolte per le ottime discussioni e il buon, anche se breve, tempo trascorso insieme. Fino alla prossima volta! 🙌🤩

Altri blog sull'argomento

CanJam Londra 2022 - Giorno1

HighEnd Munich - relazione sulla fiera parte 1

HighEnd Munich - relazione sulla fiera parte 2

.

0 commenti 0

lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione